dicembre 3, 2018

Polemos IV – Solstizio d’Inverno 2018

PIV1

 

<<Affermare che tutti gli uomini sono uguali, che non vi siano differenze di razza, religione, cultura, luogo o altro a distinguere gli appartenenti alla specie umana, significa in ultimo rendere ogni abitante del pianeta Terra equivalente a un altro e quindi interscambiabile. Radicalizzando il discorso, significa svuotare totalmente di senso l’esistenza di ogni essere umano per calarla in una moltitudine di indifferenti in cui tutto si mescola in un grande indistinto.>>
(PIEGARE E SPEZZARE di Francesco Boco)

<<… la fine di un ciclo non è il momento dell’inazione, ma lo schiudersi di nuove possibilità di azione. È il momento della massima libertà coincidente con la perdita di ogni ancoraggio>>
(SOVVERTIRE IL KALI YUGA di Andrea Anselmo)

<<Se la pigrizia, in ottica lombrosiana, è tratto fondamentale del delinquente, troviamo che la massa, centro della logica e sistemica borghese, è stata resa facile preda delle pigrizia e, se l’ozio è padre dei vizi, concepiamo come il vizio in cui si è immerso l’occidente attuale sia il più grande contenitore di opulenza, svogliatezza e deviazione criminale.>>

( CESARE LOMBROSO E L’UOMO DELINQUENTE  di A. Sathsiva)

<<Perché è evidente che se la battaglia ora si svolge sul piano della comunicazione, del digitale, la mera fedeltà ad una terra altro non sarebbe che una fallace ipostatizzazione dello spirito rivoluzionario; una nuova prospettiva di sangue e suolo emerge dalle ombre dei canali di scorrimento veloce, e noi dobbiamo coglierla. Non più una morfologia territoriale a cui ancorare il sogno impossibile di un ritorno, ma un andare avanti nomadico ma non sradicato che nella tecnica vede lo strumento migliore per perseguire lo scopo finale della restaurazione dei valori anti-sociali ed anti-istituzionali>>
(TECNOPRIMITIVISMO, di Halogen)

<<Tale era la visione dell’Eroe dannunziano, che si identifica nel “farsi Sole”, cioè farsi magnete puro ed equilibrato, Mercurio Vivo, come superamento attivo del mondo sublunare e larvale, che tramite l’Intelligenza del Cuore si esplicita come Amore Immortale, come effusione solfurea attiva che piega la morte e la caducità. La Volontà si dispiega come una potenza magica immane, che è fine di un processo catartico intellettivo, ma inizio della ricomposizione di ciò che è sparso: quindi, Amore come Forza che infrange limiti e restrizioni.>>
(LA MUSA E L’EROE: L’AVANGUARDIA DELLA POETICA DANNUNZIANA di Luca Valentini)

<<Gli dèi hanno fatto ritorno, ma sembra che l’uomo novecentesco non se ne sia accorto: ecco perché persevera in visioni del mondo antiquate – ancora moderne, sette-ottocentesche – invece di aprirsi al nuovo che avanza. Uno scarto di natura spirituale lo separa dalla realtà in cui vive.  >>
(INTERVISTA ad Andrea Scarabelli)

Se vuoi condividi...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn